MOVIMENTO X BUSTO risponde alla CARTA X BUSTO dei ragazzi del Portico

Pubblichiamo qui di seguito TUTTE le analisi preparate da Movimento PER Busto per l’incontro con il nostro Candidato Sindaco con l’associazione STOA’.

 

 1 –  SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA

IL SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA E’ UN TEMA ASSOLUTAMENTE CONDIVISIBILE PERCHE’ LA FAMIGLIA E’ LA BASE DELLA SOCIETA ED E’ IL MOTORE DI TUTTO.

IL COMUNE EFFETTIVAMENTE HA DEGLI STRUMENTI ANCHE DI TIPO FISCALE E DI TIPO ORGANIZZATIVO CHE POSSOSSONO ANDARE INCONTRO ALLE FAMIGLIE PER IL LORO SOSTEGNO.

IL COMUNE, SEMPRE COMPATIBILMENTE CON LE RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI,  POTRA’ ANCHE TRARRE DEGLI SPUNTI INTERESSANTI PER ESEMPIO DALL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE FAMIGLIE NUMEROSE CHE PREVEDE IL QUOZIENTE FAMIGLIARE.

SOSTANZIALMENTE IL QUOZIENTE FAMIGLIARE STABILISCE CHE IN UNA FAMIGLIA, PER ESEMPIO, DI SEI PERSONE, CON UNA SOLA PERSONA CHE PERCEPISCE UNO STIPENDIO, IL REDDITO FAMIGLIARE VENGA  DIVISO PER SEI E SU QUESTO IMPORTO CI PAGA LE TASSE.

SENTENDO QUESTE ASSOCIAZIONI, IL COMUNE PUO’ TRARRE SPUNTO ANCHE PER ALTRE INIZIATIVE E METTERLE IN PRATICA NELL’AMBITO DEI POTERI CHE UN COMUNE PUO’ AVERE IN MATERIA.

DIFFICILMENTE SI PUO’ DIRE DI NON ESSERE D’ACCORDO CON LE VOSTRE RICHIESTE.

PIUTTOSTO VEDIAMO DI NON FERMARCI SOLO SU QUESTI ASPETTI CHE VOI AVETE EVIDENZIATO MA PROVIAMO A PENSARE DI RIPROGETTARE TUTTI I PROCESSI IN MODO CHE LA FRUIBILITA’ DEI SERVIZI PUBBLICI, DATI DAL COMUNE, SIA EFFETTIVAMENTE IMPRONTATA ALLE ESIGENZE DELLA FAMIGLIA.

MI COLLEGO PER UN ATTIMO AL LAVORO CHE SVOLGO IN AEROPORTO A MALPENSA:

COME NOI IMPRONTIAMO I SERVIZI SUL BENESSERE DEL PASSEGGERO, CHE DEVE VIVERE LA SUA ESPERIENZA DI VIAGGIO NEL MIGLIORE DEI MODI, LA STESSA COSA VALE PER IL COMUNE CHE DEVE ORIENTARE I SERVIZI NEI CONFRONTI DEL CITTADINO CHE IN QUESTO CASO NON HA UNA ESPERIENZA DI VIAGGIO MA BENSI’ UNA ESPERIENZA DI VITA SOCIALE.

 

2  –  PARTECIPAZIONE

PARTECIPAZIONE è IL MOTTO DEL NOSTRO MOVIMENTO, LA PAROLA CHIAVE.

IL DOCUMENTO BASE PER AVVICINARE I CITTADINI ALLA COMPRENSIONE DELLA MACCHINA COMUNALE E’ IL BILANCIO SOCIALE, UN BILANCIO COMPRENSIBILE A TUTTI PER CAPIRE LO STATO DI SALUTE DEL COMUNE.

INOLTRE IL MOVIMENTO X BUSTO SAREMO DISPONIBILI A FARE DELLE TAVOLE ROTONDE UNA VOLTA AL MESE, APERTE A TUTTI , COMPRESI I GIORNALISTI, RIUNIONI NEI QUARTIERI, CONSIGLI COMUNALI ITINERANTI, UNA AMMINISTRAZIONE CHE SI SPOSTA IN MEZZO ALLA GENTE.

NON SOLO UN BILANCIO SOCIALE MA ANCHE PARTECIPATO, CIOE’ CON SCELTE ECONOMICHE FATTE E PROPOSTE DAI CITTADINI QUINDI, MA ANCHE UN COMUME PARTECIPATO.

CONSIGLI DAI CITTADINI, CONFRONTO COI CITTADINI, CONDIVISIONE DEI PROGETTI PER LA CITTA’.

CON ESPERTI IN MATERIA SVILUPPEREMO TUTTI I MODELLI PIU’ MODERNI PER CONTRASTARE L’ILLEGALITA’, LA MAFIA E IL RICICLAGGIO, MAGARI ANCHE CON L’AIUTO DEGLI STESSI CITTADINI ONESTI CHE POTRANNO SEGNALARCI CASI A LORO CONOSCIUTI.

3 – URBANISTICA E STRADE

PER LA VOSTRA PRIMA RICHIESTA DI INNOVAZIONE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA, VI RIBADISCO CHE IL NOSTRO MOVIMENTO PER BUSTO ARSIZIO, COME PRIMA COSA, NECESSARIA A CAPIRE E CONDIVIDERE LE REALI CONDIZIONI IN CUI VIVE IL CITTADINO QUOTIDIANAMENTE, ATTUERA’ UNA SETTIMANA DI “ PERCORSO ESPERIENZIALE” CHE CONSISTE NEL MUOVERSI IN CITTA’ CON OGNI MEZZO  DI TRASPORTO O A PIEDI.

MEZZI DI TRASPORTO CHE POSSONO ESSERE LA BICICLETTA, L’AUTOBUS CITTADINO O ADDIRITTURA FARE UNA SETTIMANA SPOSTANDOSI SU UNA SEDIA A ROTELLE IN CITTA’.

TOCCARE CON MANO LE DIFFICOLTA’ INCONTRATE, VALUTARE LA REALTA’ DI STRADE E MARCIAPIEDI ED INTERVENIRE SUBITO OVE NECESSARIO E NON SOLO DOVE PASSA IL GIRO D’ITALIA  !!!

MI SA CHE CI SARA’ MOLTO DA FARE IN QUESTO SENSO, VISTO LE CONDIZIONI PIETOSE DEI MARCIAPIEDI E DELLE STRADE (ANCHE IN ZONA PEDONALE) CHE IL GOVERNO FARIOLI CI STA LASCIANDO IN EREDITA’.

PER IL SECONDO PUNTO DELLA VOSTRA RICHIESTA, QUELLO DELLA CONSAPEVOLEZZA DEI CITTADINI DELLE OPERE PUBBLICHE, IL MOVIMENTO X BUSTO ARSIZIO CHIEDERA’ SEMPRE DEMOCRATICAMENTE IL PARERE DELLA CITTADINANZA, SOPRATTUTTO NEI CASI DI OPERE DI UNA CERTA CONSISTENZA DI SPESA.

LA RESPONSABILITA’ DI SCELTE DI UN CERTO TIPO MI PARE SIA GIUSTO ED IMPORTANTE CHE VENGA CONDIVISA ANCHE DAI CITTADINI NEL MASSIMO RISPETTO DELLA DEMOCRAZIA PARTECIPATA.

POI UNA VOLTA APPROVATO IL PROGETTO,  VI GARANTISCO CHE FIN DAL PRIMO GIORNO DEI LAVORI, METTEREMO UNA FIGURA CHE RISPONDENDO DIRETTAMENTE AL SINDACO, SEGUA E MONITORIZZI CONTINUAMENTE LO STATO DI AVANZAMENTO DEI LAVORI.  MA NON BASTA:

SE POSSIBILE INSERIREMO 1 o 2 CITTADINI IN BASE ALL’IMPORTANZA DELLE OPERE, ALL’INTERNO DELLA COMMISSIONE CHE SEGUIRA’ I LAVORI PER UNA VISIONE ED UNA PARTECIPAZIONE DIRETTA DEI CITTADINI AL CAMBIAMENTO DELLA NOSTRA CITTA’.

SICURAMENTE DOVREMO IMPIEGARE MEGLIO GLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI.

PER FARE QUESTO UTILIZZEREMO PER ESEMPIO IL BILANCIO SOCIALE CHE E’ UN DOCUMENTO CON IL QUALE L’AMMINISTRAZIONE COMUNICA PERIODICAMENTE IN MODO VOLONTARIO GLI ESITI DELLA SUA ATTIVITA’, NON LIMITANDOSI AI SOLI ASPETTI FINANZIARI E CONTABILI.

IN ALTRE PAROLE RICLASSIFICA IL BILANCIO CONTABILE E BUROCRATICO CHE IL PIU DELLE VOLTE SONO TANTI FOGLI DI CARTA INCOMPRENSIBILI AI PIU’.

PER IL TERZO PUNTO DELLA VOSTRA RICHIESTA INDIVIDUEREMO LA MODALITA’ PIU GIUSTA DI SELEZIONE PER L’ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI DA RIQUALIFICARE E RENDERE LA CITTA’ PIU’ BELLA.

IL PRINCIPIO E’ SICURAMENTE CHE ABITUARE AL BELLO FA BENE E FA BENE ANCHE AL MANTENIMENTO DELL’ARREDO URBANO, FA’ BENE ALLA SICUREZZA.

L’ARTE RIPORTA SEMPRE LE PERSONE AD UNA MAGGIORE ED APPROFONDITA SENSIBILITA’.

4  –  LEGALITA’ E TRASPARENZA

FERMO RESTANDO LE COMPETENZE CHE UN COMUNE PUO’ AVERE SUI PROGETTI DIDATTICI, SICURAMENTE IL MOVIMENTO X BUSTO ARSIZIO , METTERA’ LA DIRIGENZA DIDATTICA NELLE MIGLIORI CONDIZIONI DAL PUNTO DI VISTA INFRASTUTTURALE E DAL PUNTO DI VISTA DEI RAPPORTI ISTITUZIONALI, DI POTER PROMUOVERE LE ATTIVITA’ DIDATTICHE CON DEI PROGETTI TEMATICI DI LEGALITA’, ANCHE FINANZIANDOLI E CONTRIBUENDO IN MANIERA FATTIVA SEMPRE NELL’AMBITO DI UNA AUTONOMIA DELLA DIRIGENZA DIDATTICA.

PIUTTOSTO CHE SPRECARE SOLDI PER UNA MEGA ROTONDA SUL VIALE DELLA GLORIA, UTILIZZIAMO QUESTE RISORSE FINANZIARIE PER DARLE ALLA SCUOLA.

SARA’ NOSTRO INTERESSE SOSTENERE IN TUTTI I MODI LA DIRIGENZA DIDATTICA, DANDO IL NOSTRO SUPPORTO NEI RAPPORTI ISTITUZIONALI PER AVVICINARE LE ISTITUZIONI E FARLE ENTRARE NELLE SCUOLE.

L’ULTIMO ASPETTO DELLE VOSTRE IDEE SULLA LEGALITA’ E TRASPARENZA, IL MOVIMENTO X BUSTO INSTAURERA’ COL DIRETTORE DELLA LOCALE CASA CIRCONDARIALE, GIA’ CONTATTATO POSITIVAMENTE, UN RAPPORTO DIRETTO PER COSTRUIRE UN PROCESSO CHE VADA OLTRE L’ASPETTO DEL REINSERIMENTO DI QUESTI SOGGETTI SVANTAGGIATI).

CHI DI LORO, IN BASE ALL’ARTICOLO 21 DELL’ORDINAMENTO PENITENZIARIO, POTRA’ ESSERE ASSEGNATO AL LAVORO ALL’ESTERNO IN CONDIZIONI IDONEE A GARANTIRE L’ATTUAZIONE POSITIVA DEGLI SCOPI, VERRA’ IMPIEGATO PER ESEMPIO NELLA CURA DEL VERDE CITTADINO, DEI PARCHI E PER LA LORO CUSTODIA.

QUESTI PROGETTI HANNO GIA’ AVUTO ESITI POSITIVI IN PASSATO E IN ALCUNI PAESI LIMITROFI.

5  –  SUPPORTO ALLO SVILUPPO GIOVANILE

L’AMMINISTRAZIONE GIA’ PREVEDE DELLE FUNZIONI CHE SI DEVONO OCCUPARE DI QUESTO ASPETTO A COMINCIARE DALL’ASSESSORATO.

BISOGNERA’ CREARE UN ELENCO DI PRIORITA’, UN ELENCO DI PROGETTI, PER METTERE NEI VARI ANNI DEL MANDATO UN ORDINE DI IMPORTANZA E FINANZIARE QUEI PROGETTI CHE COMINCINO A DARE DEGLI EFFETTI RAPIDAMENTE, PERCHE’ TUTTO SUBITO NON SI PUO’ FARE .!!

IL PAESE ITALIA E’ FATTO DI SUSSIDIARIETA’, IL PROBLEMA E’ CHE VANNO STABILITE DELLE PRIORITA’ PERCHE’ LE RISORSE ECONOMICHE SONO SCARSE, SONO LIMITATE E QUINDI INSIEME DOBBIAMO CAPIRE QUALI HANNO LA MAGGIOR EFFICIENZA E CONCATENARLE CON TUTTE LE ALTRE AZIONI CHE COMUNQUE IL COMUNE PUO’ GARANTIRE.

E’ COME UNA AZIENDA DOVE E’ BELLO FARE TUTTO, DOVE SAREBBE BELLO AVERE CAPANNONI NUOVI, DOVE SAREBBE BELLO AVERE MACCHINARI NUOVI, DOVE SAREBBE BELLO AVERE UN PARCO MEZZI NUOVO, PERO’ SE VUOI PORTARE A CASA IL RISULTATO D’ESERCIZIO , DEVI RIUSCIRE A CAMBINARE LE ESIGENZE DEGLI INVESTIMENTI IN MODO CHE COMUNQUE TI FACCIANO CRESCERE, MIGLIORARE IL PRODOTTO E RENDERLO PIU’ VENDIBILE.

PER CUI E’ TUTTO CONDIVISIBILE, E’ TUTTO GIUSTO DA FARE, SI TRATTA DI CAPIRE QUALE SIA L’ORDINE GIUSTO E LA COMBINAZIONE ATTUABILE, CONDIVIDENDOLO CON CHI DI QUESTO ASPETTO NE HA LA COMPETENZA, L’ESPERIENZA E NE E’ IL FRUITORE, CIOE’ I GIOVANI E IL LORO MONDO.

6  – CONFRONTO CON MODELLI POSITIVI DI AMMINISTRAZIONE

GLI ESEMPI VIRTUOSI SONO NORMALMENTE QUELLI SUL BILANCIO SOCIALE, PERCHE’ E’ IL MODO MIGLIORE DI ESPRIMERE QUAL’E’ L’AZIONE DEL COMUNE NEI CONFRONTI DEI SERVIZI DA EROGARE E RENDERLI COMPRENSIBILI .

GIA’ COMUNICANDOLO NEL MODO GIUSTO DA MODO DI CAPIRE SU COSA LAVORARE DI PIU’ E COSA MIGLIORARE E SOPRATTUTTO DA’ UN TERMINE DI PARAGONE SU ENTI LOCALI SIMILI.

CON LA RIFORMA COSTITUZIONALE IL COMUNE E’ ORMAI SULLO STESSO PIANO DELLE PROVINCE E DELLE REGIONI.

SARA’ IMPORTANTE CHE LA STRUTTURA COMUNALE VENGA CONTINUAMENTE AGGIORNATA CON CORSI DI FORMAZIONE, CON LA PARTECIPAZIONE A FIERE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E AVERE COSI OGNI OCCASIONE DI APPRENDERE, CONFRONTARE ESPERIENZE E CONOSCERE SOLUZIONI E STRUMENTI FINALIZZATI A “CREARE” AUTENTICA INNOVAZIONE NELLE AUTONOMIE LOCALI.

SULLA SECONDA PARTE DELLA VOSTRA RICHIESTA, SIAMO L’UNICO PAESE CHE NON PRENDE FONDI COMUNITARI .

LA COMUNITA’ EUROPEA HA PROBLEMI AD EROGARE FONDI E NON PERCHE’ NON CI SONO SOLDI, BENSI’ PERCHE’ NON CI SONO IDEE.

LADDOVE FOSSIMO INSEDIATI A PALAZZO GILARDONI, SARA’ NOSTRA PREMURA VERIFICARE QUANTO LA CULTURA DELLA GESTIONE DI QUESTO TIPO DI ITER PER L’ACCESSIBILITA’ AI FONDI, NON SOLO COMUNITARI MA ANCHE REGIONALI, SIA CONOSCIUTA E RADICATA NELLE PERSONE PREPOSTE ALL’INTERNO DEL COMUNE.

E RIATTIVEREMO L’ISCRIZIONE DEL COMUNE ALLA ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI COMUNI ITALIANI, ANCI, ABBANDONATA A FINE 2015.

SI PARLA TANTO DI FARE RETE E CI SI VANTA DI MARGINI DI BILANCIO E POI SI TAGLIANO QUESTE RISORSE NECESSARIE A FARE RETE E FORMAZIONE.

 ATTIVEREMO ANCHE SISTEMI DIGITALI DI OPEN POLIS, OPEN COMUNE, OPEN DATA, PER MAGGIORE TRASPARENZA E CONTROLLO DEGLI AMMINISTRATORI.

7  –  VOCAZIONE ECONOMICA DEL TERRITORIO

IL MONDO CHE CAMBIA IN MODO TALMENTE RAPIDO E CHE SI EVOLVE GIORNO DOPO GIORNO MI FA PENSARE PIU’ CHE AD PROGETTO DI LUNGO PERIODO, A PROGETTI PIU’ A BREVE E MEDIO TERMINE.

FERMO RESTANDO QUESTO CONCETTO, CHE COSA PUO’ ESSERE UN PROGETTO A LUNGO PERIODO ??

LUNGO PERIODO E’ IL FATTO DI SCEGLIERE QUALI OPERE PUBBLICHE

FARE, NON FOSSE ALTRO PERCHE’ RICHIEDONO MEDIAMENTE ANNI PER LA LORO REALIZZAZIONE.

QUINDI NELLA DURATA DI UN MANDATO, CHIARAMENTE, SI PUO’ FARE POCO, MA SI PUO’ CERCARE DI INDIVIDUARE DEI PROGETTI ATTRAVERSO GLI STRUMENTI AMMINISTRATIVI GIA’ PREVISTI COME IL PIANO TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE , PER FAR CONOSCERE AL SISTEMA ECONOMICO, IN ANTICIPO, LO SVILUPPO DEL TERRITORIO.

PER PURO ESEMPIO, SE UN POSTO NON E’ SERVITO DA AUTOSTRADA MA SI SA CHE NEL GIRO DI X ANNI CI ARRIVERA’, E’ CHIARO CHE CI SARA’ INTERESSE AD INVESTIRE SU QUELL’AREA DA PARTE DI IMPRENDITORI.

GLI IMPRENDITORI HANNO BISOGNO DI CERTEZZA DELLE REGOLE E INFRASTUTTURE.

PER LA VOCAZIONE AL TERRITORIO SE LE INDUSTRIE CHIUDONO PERCHE’ L’ECONOMIA VA MALE, IL COMUNE PUO’ FARE BEN POCO, MA PUO’ SICURAMENTE, NEL LIMITE DELLE SUE COMPETENZE, DI DARE CERTEZZE , DELLE CERTEZZE NORMATIVE SU QUELLO CHE PUO’ ESSERE LA FISCALITA’ COMUNALE.

8  –  LAVORO

SICURAMENTE CON L’ASSESSORATO COMPETENTE BISOGNERA’ VEDERE CHE PROGETTI SI POSSONO IMPOSTARE PER ANDARE AD INCENTIVARE DETERMINATE POLITICHE OCCUPAZIONALI.

BISOGNERA’ CHE PUBBLICO E PRIVATO VADANO A BRACCETTO.

L’EVOLUZIONE ECONOMICA DI QUESTI ANNI CI INSEGNA CHE OCCORRE RILANCIARE L’INDUSTRIA.

LA PROVINCIA DI VARESE HA INDUBBI PUNTI DI FORZA NEL TERZIARIO DI QUALITA, NEL TESSILE, SEGNATAMENTE NELL’UNIVERSITA’ E NELL’OFFERTA SANITARIA, MA LO SVILUPPO DI QUESTI SETTORI NON HA CONSENTITO DI COMPENSARE L’INDEBOLIMENTO DELL’INDUSTRIA.

L’INDUSTRIA E’ UNA VOCAZIONE ANTICA DI QUESTO TERRITORIO, CHE OGGI VA RECUPERATA E RISCOPERTA.

CINQUE ANNI CONSECUTIVI DI PROFONDA CRISI CI CONSEGNANO INVECE UN SISTEMA INDUSTRIALE PROVATO E MOLTO RIDIMENSIONATO.

QUESTO IMPOVERIMENTO DEL TESSUTO PRODUTTIVO LOCALE PUO’ AVER RIDOTTO IL POTENZIALE DI CRESCITA E DUNQUE LE CAPACITA’ DI RIPRENDERE A CRESCERE A RITMO SOSTENUTO.

APPARE INDISPENSABILE UNO SFORZO STRAORDINARIO PER RECUPERARE LA COMPETIVITA’ DEL TERRITORIO E RILANCIARE LO SVILUPPO INDUSTRIALE E CREARE OCCUPAZIONE.

IL MOVIMENTO RITIENE COSTRUTTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO PERIODICO DI SCAMBI TRA DOMANDA E OFFERTA,  TRA AZIENDE E DISOCCUPATI O INOCCUPATI, NONCHE’ UNO TRA AZIENDE E SCUOLE/STUDENTI ANCHE NELL’AMBITO DELL’ISTITUTO DELL’ALTERNANZA SCUOLA LAVORO.

TALE LABORATORIO POTRA’ ESSERE PATROCINATO DAL COMUNE METTENDO A DISPOSIZIONE SPAZI E RISORSE.

LE PERSONE E LE LORO COMPETENZE COSTITUISCONO IL PATRIMONIO FONDAMENTALE DEL TERRITORIO E NE DETERMINANO IN BUONA MISURA COMPETIVITA’ E ATTRATTIVITA’.

9  –  CONNESSIONE

ESSENDO BUSTO ARSIZIO CAPOFILA DELLA VALLE OLONA, DI SICURO BISOGNERA’ INCENTIVARE IL CONFRONTO E L’AVVICINAMENTO CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI LOCALI PER VEDERE IN CHE MODO SI POSSANO TROVARE DELLE SINERGIE, PER ESEMPIO CON I SERVIZI ASSOCIATI DI POLIZIA LOCALE.

SI POTRANNO TROVARE DELLE FORMULE NELLE QUALI ASSOCIARE ALTRI TIPI DI SERVIZI E QUI CI IMPEGNEREMO SICURAMENTE A CONTINUARE AD ESSERE CAPOFILA ANCHE ATTRAVERSO UNA PERIODICA INTERLOCUZIONE CON TUTTI I COMUNI, PROPRIO PER VEDERE IN CHE MODO, STANDO UNITI, POSSIAMO METTERE A FATTOR COMUNE, LE RISORSE CHE POSSONO SPAZIARE DALLA SICUREZZA, ALLA PROTEZIONE CIVILE E PERCHE’ NO ANCHE A STUDIARE I MODI MIGLIORI PER FARE LA MOBILITA’

COME SENSO DI APPARTENENZA LOCALE, DI AGGREGAZIONE CHE FAVORISCA UNA VISIONE DI UNA CITTA’ COME UNICA COMUNITA’, IL MOVIMENTO PER BUSTO, SI FARA’ PORTAVOCE DELLA VOLONTA’ DI ISTITUIRE UN PALIO BIENNALE, SIA SPORTIVO CHE CULTURALE TRA I TREDICI RIONI DI BUSTO ARSIZIO.

10  –  CULTURA

Il MOVIMENTO PER BUSTO CHE TRA L’ALTRO E’ UN MOVIMENTO OLTRE CHE POLITICO UN MOVIMENTO SOCIO-CULTURALE , PROPORRA’ LA CREAZIONE DI UNA RETE TRA TUTTE LE ASSOCIAZIONI SOCIO-CULTURALI DI BUSTO ARSIZIO,  INSERENDO OPPORTUNAMENTE ANCHE LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO.

QUESTA CONNESSIONE CHE SI VERRA’ A CREARE TROVERA’ SPAZIO IN UNA PAGINA DEDICATA SUL SITO WEB DEL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IN UN OPPORTUNA FUNZIONE DI ASSESSORATO.

IL NOSTRO MOVIMENTO PROPORRA’ ANCHE DI INVENTARIARE TUTTE LE ASSOCIAZIONI PRESENTI NEL NOSTRO TERRITORIO AL FINE DI FACILITARE ANCHE UNA CALENDARIZZAZIONE DEGLI EVENTI PER NON SOVRAPPORRE INIZIATIVE O PER AIUTARNE LA CONCENTRAZIONE NELLO SPAZIO, NEI TEMPI E NEI CONTENUTI.

PROPORRA’ INOLTRE AL COMUNE DI CREARE UN REGOLAMENTO CHE STABILISCA I CRITERI DI COMPOSIZIONE DI UNA GRADUATORIA TRA LE ASSOCIAZIONI CHE SERVA PER SOPPESARE EVENTUALI SOTEGNI ECONOMICI O DI MERITO CHE LO STESSO COMUNE ANDRA’ AD A ELARGIRE ALLE REALTA’ CULTURALI BUSTOCCHE. REGOLAMENTO ANNICHILITO DALLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE.

NEL PROGRAMMA ELETTORALE, SEMPRE PARLANDO DI CULTURA, IL MOVIMENTO X BUSTO ARSIZIO HA PREVISTO PER I GIOVANI E I MENO GIOVANI, SPAZI ALL’APERTO DI AGGREGAZIONE, DEGLI AGORA’

LA POLITICA E’ QUELLA COSA CHE RIEMPIE IL LIBRO DEI SOGNI, L’AMMINISTRAZIONE E’ QUELLA CHE LI REALIZZA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti